fbpx

Social Network: quali canali scegliere

Social Network: quali canali scegliere

Social-e-aziende-quali-canali-scegliere-iperattiva-
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

SOCIAL NETWORK: cOME SCEGLIERE I CANALI GIUSTI PER LA TUA AZIENDA O PER LA TUA ATTIVITÀ

Hai un’azienda ma la tua natura è poco digital? Hai aperto tutti i profili Social Network e non sai come fare? Ti piacerebbe costruire un’immagine online per la tua attività?

Se hai risposto tre volte si, questo articolo è proprio per te.

Da più di un decennio i Social Network sono entrati di diritto (e prepotenza a volte) nella nostra quotidianità. Sempre connessi e interattivi con i nostri dispositivi, oggi sarebbe impensabile vivere senza social, mail e internet.

Insieme alle nostre giornate, in questi anni è profondamente cambiato il modo di comunicare delle aziende e quella che già sembrava una giungla, oggi è ancora più fitta.

Come scegliere il canale social giusto per la tua attività?

La risposta è più semplice del previsto.Ogni piattaforma ha caratteristiche, scopi e metriche precise che si prestano e si modellano su esigenze comunicative peculiari di vari tipi di azienda.

Prima di passare in rassegna le varie piattaforme, serve una premessa doverosa. La comunicazione aziendale si costruisce attraverso tecniche e metodologie di marketing applicate a vari contesti di business e attività. Senza un obiettivo, una missione e un’identità reale di impresa, però, nessuna tecnica risulterà efficace e quindi è bene avere le idee chiare prima di dare il via a qualsiasi processo o operatività specifica. 

Vediamo, ora, quali sono le possibilità che ci offrono i social network e quale piattaforma scegliere per la propria comunicazione aziendale.

FACEBOOK 

Facebook è il primo Social Network in Italia con oltre 36 milioni di utenti attivi.

Nasce nel 2004 come strumento digitale di relazione e conoscenza tra le persone.

Il profilo aziendale è una pagina da popolare con aggiornamenti, news e contenuti multimediali relativi all’attività, al settore e al mercato di riferimento.

La pagina di Facebook vive di vita propria e si presta benissimo ad un approccio informativo e divulgativo. Offre da un lato un pubblico eterogeneo dall’altro la possibilità di utilizzare molteplici forme di comunicazione.

INSTAGRAM

Instagram è tra i più popolari Social Network in questo momento. La piattaforma nasce nel 2010 come applicazione per smartphone e oggi conta oltre 23 milioni di utenti attivi in Italia. Potremmo definirlo il regno delle fotografie e dello storytelling visuale. I contenuti si esprimono attraverso foto e video abbinati a hashtag che inseriscono questo flusso visuale in veri e propri trend di ricerca.

Instagram è amato dai giovanissimi e nel tempo è riuscito a creare un grande seguito di appassionati e professionisti, i cosiddetti influencer. Da non dimenticare le Stories che sono delle vere e proprie storie fotografiche per seguire gli utenti nell’arco delle 24 ore.

Il profilo Instagram aziendale richiede costanza, attenzione e originalità: i contenuti istituzionali e le immagini royalty free sono penalizzate nella diffusione perché occorre essere presenti e autentici per essere efficaci.

LINKEDIN

LinkedIn nasce nel 2003 ed è l’unico Social Network dedicato ai rapporti professionali.

Le connessioni sono definite collegamenti e ogni profilo ha la possibilità di interagire con professionisti fino al terzo livello di conoscenza con un potenziale di relazioni professionali altissimo.

In fase iniziale la piattaforma ospitava principalmente i curricula e le esperienze lavorative degli utenti. Nel tempo si è molto evoluta attraverso il micro blogging, la condivisione di articoli, video e link.

Lo strumento dedicato alle aziende su LinkedIn sono le Company Page che, a differenza di Facebook, sono strettamente legate ai singoli profili e non possono vivere autonomamente.

La comunicazione aziendale su LinkedIn è particolarmente indicata per aziende che operano in settori ad alta specializzazione e, quando i collaboratori si rendono disponibili, a diffondere le informazioni.

GOOGLE MY BUSINESS

Il profilo attività è indicato per la ricerca di aziende locali. Possiamo considerarlo come un’evoluzione della mappa di Google.

Google Maps conta più di un miliardo di utenti attivi che ricercano informazioni in 220 paesi in tutto il mondo da dispositivi mobili. Un’occasione troppo ghiotta per non essere sfruttata come strumento di visibilità delle aziende.

La Google My Business si inserisce proprio in queste ricerche e permette alle aziende di creare un vero e proprio profilo gratuito con descrizioni, servizi, categorie, post, recensioni e foto.

YOU TUBE

You Tube è il secondo motore di ricerca dopo Google con oltre 24 milioni di utenti attivi in Italia.

Si tratta della piattaforma video più diffusa e ospita al suo interno contenuti video di vario genere.

Il successo si misura mediante il numero di visualizzazioni dei video e il profilo ha il nome di canale che vive di iscritti. Questo genere di contenuto richiede, più di altro, una buona strategia comunicativa: i video devono essere realizzati seguendo un flusso di comunicazione che sia coerente e funzionale con gli obiettivi dell’attività.

Con questa mini guida sarà possibile scegliere al meglio i canali Social Network da attivare per la propria azienda e impostare la migliore strategia per costruire una comunicazione aziendale efficace.

Se hai bisogno di una mano l'Iper team è disponibile per consigli e indicazioni per ottenere la migliore strategia Social aziendale.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO CON I TUOI CONTATTI

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin